15 settembre 2015

Urban Decay - Primer Potion: Recensione dei primer per occhi Original, Sin ed Eden


Prima della Naked, Urban Decay era nota a tutti per aver prodotto il Primer Potion, senza dubbio il primer per occhi più amato di sempre. Durante gli anni il packaging è stato più volte rinnovato in modo da ottenere una soluzione sempre più pratica. Proprio negli ultimi giorni da Sephora è giunta la terza versione che sembra essere la definitiva in quanto racchiude i pregi delle due precedenti. Ho deciso, dunque, di approfittare del lancio di questa novità per offrirvi la recensione delle tre versioni in mio possesso: la Original, la Sin e la Eden. L'unica a mancare all'appello la Anti-aging che non ho ancora provato.

Urban Decay - Primer Potion. Dall'alto verso il basso, primer per occhi nelle varianti: Sin, Original, Eden.
Urban Decay - Primer Potion. Dall'alto verso il basso, primer per occhi nelle varianti: Sin, Original, Eden.


IL PACKAGING
Di tutti e tre ho la versione precedente a quella ora uscita. Sono contenute in una scatolina trasparente con un fondo vellutato. Il packaging consiste in un tubetto che termina con un beccuccio forato che rilascia la minima quantità di prodotto sufficiente ad un'applicazione.  Il tappo è carinissimo e ricorda proprio quello di una boccetta di una pozione magica! L'ultimo packaging è analogo a questo ad eccezione dell'applicatore che, invece di consistere nel beccuccio, è simile a quello del primo packaging uscito, ossia a spugnetta come quello di un lucidalabbra. E' sicuramente la soluzione migliore in quanto permette di applicare il primer direttamente sulla palpebra. Le tre versioni si distinguono per i colori: lilla per l'Original, beige per l'Eden e bronzo per la Sin.


Urban Decay - Primer Potion. Dall'alto verso il basso, primer per occhi nelle varianti: Sin, Original, Eden.
Urban Decay - Primer Potion. Dall'alto verso il basso, primer per occhi nelle varianti: Sin, Original, Eden.


LE CARATTERISTICHE  E L'APPLICAZIONE
Ciascuna tipologia è pensata per far risaltare il colore e la resa dell'ombretto che si vuole applicare dopo. In tutti e tre i casi prelevo una puntina di prodotto e la stendo sulla palpebra sfumandola con le dita. Prima di applicare l'ombretto aspetto mezzo minuto che la formula di asciughi. Se, infatti, si impiegasse subito, si otterrebbe l'effetto contrario, cioè andrebbe a finire nelle pieghette, inoltre diventerebbe difficile da sfumare. Ecco la mia esperienza con ognuna di esse.

Urban Decay - Primer Potion. Dall'alto verso il basso, primer per occhi nelle varianti: Sin, Original, Eden.
Urban Decay - Primer Potion. Dall'alto verso il basso, primer per occhi nelle varianti: Sin, Original, Eden.

Swatches Urban Decay - Primer Potion. Dall'alto verso il basso, primer per occhi nelle varianti: Sin, Original, Eden swatch
Swatches Urban Decay - Primer Potion. Dall'alto verso il basso, primer per occhi nelle varianti: Sin, Original, Eden.


ORIGINAL

La Original è la variante che va bene con qualsiasi ombretto, opaco, shimmer, in crema in polvere... La texture è mediamente cremosa mentre il colore è un beige molto chiaro lievemente satinato, che di fatto di fonde con l'incarnato, uniformando appena qualche leggera discromia. E' sicuramente la versione che preferisco in quanto ha una consistenza facilissima da stendere, ma soprattutto è la più efficace: qualsiasi ombretto, anche di bassa qualità, appare immediatamente più intenso ed gli eventuali riflessi diventano più evidenti. Inoltre con il passare delle ore impedisce che gli ombretti vadano a finire nelle pieghe e svaniscano. E' senza dubbio il miglior primer per occhi che ho mai provato.

Urban Decay - Primer Potion. Original.
Urban Decay - Primer Potion. Original.

Di seguito potete vedere a confronto il risultato che si ha applicando l'ombretto direttamente sulla pelle e quello ottenuto utilizzando l'ombretto sul primer. Ho utilizzato un ombretto satinato mediamente scrivente. Il colore appare intensificato e la satinatura dorata è più visibile.

Urban Decay - Primer Potion. Original. prima e dopo
Urban Decay - Primer Potion. Original. A sinistra: ombretto senza base. A destra: ombretto sul primer.

L'INCI
Isododecane, Talc, Cyclopentasiloxane, Disteardimonium Hectorite, Trimethylsiloxysilicate, Trihydroxystearin, Polyethylene, Triethylhexanoin, Hydroxystearic/Linolenic/Oleic Polyglycerides, Sorbitan Sesquioleate, VP/Eicosene Copolymer, Dimethicone, PEG-40 Stearate, Phenoxyethanol, Synthetic Beeswax, Propylene Carbonate, Aqua (Water/Eau). May Contain: Mica, CI 77891 (Titanium Dioxide), CI 774491/77492/774499 (Iron Oxides), CI 77163 (Bismuth Oxychloride).


SIN

La Sin è ideata per far risaltare i riflessi e la luminosità degli ombretti shimmer o satinati. E', infatti, essa stessa metallizzata dall'aspetto color champagne. Di recente la nuance è stata rielaborata (ora si chiama Minor Sin) e resa ancora più opalescente. La texture è più cremosa della versione Original ed è decisamente più coprente. Di fatto è come se fosse un ombretto in crema: copre la palpebra in maniera uniforme e la illumina. Quando vado di fretta mi piace molto utilizzarlo da solo: l'effetto è molto discreto, elegante e curato. Usata come primer, in effetti intensifica gli ombretti perlati, metallizzati e satinati e dona nuovi riflessi molto particolari. Il colore di base non influenza quello delle polveri. Per quanto riguarda la durata, garantisce che gli ombretti non vadano nelle pieghette durante la giornata, ma ho notato che arrivata a sera, il colore perde luminosità e appare meno intenso. Penso sia dovuto alla cremosità del primer che evidentemente non si fissa mai del tutto. Per pura curiosità ho provato ad usarla anche in coppia con ombretti opachi e, come prevedibile, il risultato è stato pessimo in quanto il colore appare a macchie.

Urban Decay - Primer Potion. Sin.
Urban Decay - Primer Potion. Sin.

Di seguito potete vedere a confronto il risultato che si ha applicando un ombretto shimmer non molto scrivente direttamente sulla pelle e quello ottenuto utilizzando l'ombretto sul primer. Come vedete, mette in evidenza dei riflessi verdi che altrimenti non si noterebbero.

Urban Decay - Primer Potion. Sin. A sinistra: ombretto senza base. A destra: ombretto sul primer. swatch prima e dopo
Urban Decay - Primer Potion. Sin. A sinistra: ombretto senza base. A destra: ombretto sul primer.

L'INCI
Isododecane, Cyclopentasiloxane, Disteardimonium Hectorite, Trimethylsiloxysilicate, Trihydroxystearin, Polyethylene, Triethylhexanoin, Hydroxystearic/Linolenic/Oleic Polyglycerides,Sorbitan Sesquioleate, VP/Eicosene Copolymer, Dimethicone, PEG-40 Stearate, Phenoxyethanol, Synthetic Beeswax, Propylene Carbonate, Aqua (Water/Eau). May Contain: Mica, CI 77891 (Titanium Dioxide), CI 774491/774499 (Iron Oxides), CI 77163 (Bismuth Oxychloride).


EDEN

La versione Eden è indicata particolarmente per gli ombretti matt. E' di un color carne dal sottotono giallo ed è molto coprente grazie alla sua texture piuttosto densa. Consiglio di applicarla in quantità molto ridotta poiché non si sfuma facilmente e tende a rimanere fissa e a seccarsi nel punto il cui la si stende inizialmente. Devo ammettere che intensifica notevolmente il colore degli ombretti opachi, i quali spesso peccano di poca scrivenza. L'effetto è omogeneo, saturo di colore e duraturo: l'ombretto resiste intatto da mattina fino a sera senza sbiadire o finire nelle pieghe. Inoltre, si ottengono buoni risultati anche utilizzando degli ombretti shimmer. Purtroppo tra le tre, è la variante che ho utilizzato di meno, in quanto richiede un po' di tempo per un'applicazione corretta data la sua texture ricca, secca la pelle e perché dopo un paio di mesi dall'utilizzo ha formato una sorta di liquido, come se la parte solida della formula si fosse separata da quella fluida. Il tutto si risolve agitando il tubetto prima dell'uso, ma la cosa non mi ha convinta molto. 

Urban Decay - Primer Potion. Eden.
Urban Decay - Primer Potion. Eden.

Di seguito potete vedere a confronto il risultato che si ha applicando l'ombretto direttamente sulla pelle e quello ottenuto utilizzando l'ombretto sul primer. In questo caso i colori sembrano diversissimi! La base accentua notevolmente la nuance dell'ombretto e l'effetto è più pieno.

Urban Decay - Primer Potion. Eden. A sinistra: ombretto senza base. A destra: ombretto sul primer. swatch prima e dopo
Urban Decay - Primer Potion. Eden. A sinistra: ombretto senza base. A destra: ombretto sul primer.

L'INCI
Isododecane, Cyclopentasiloxane, Trimethylsiloxysilicate, Disteardimonium Hectorite, Polyethylene, Triethylhexanoin, Trihydroxystearin, Isopropyl Lanolate, Sorbitan Sesquioleate, VP/Eicosene Copolymer, Talc, Dimethicone, PEG-40 Stearate, Phenoxyethanol, Synthetic Beeswax, Propylene Carbonate, Aqua (Water/Eau). May Contain: CI 77891 (Titanium Dioxide), CI 77491/77492/77499 (Iron Oxides).


ULTIME INFORMAZIONI E OPINIONI FINALI
La quantità di prodotto è pari a 11 ml, la scadenza è di 6 mesi dall'apertura e il prezzo si aggira sui 20 Euro. Il Primer Potion Original di Urban Decay si merita certamente la fama che si è conquistata negli anni: è davvero una pozione magica in grado di migliorare la resa e far durare gli ombretti da mattina fino a sera. Non mi stancherò mai di ricomprarlo! La variante Sin è davvero molto bella anche usata come ombretto stesso, ma a mio avviso non fa durare l'ombretto tanto quanto la versione Original. Sono curiosa di vedere se la nuova riformulazione Minor Sin sia più valida. La Eden mi è piaciuta molto come risultato finale, ma non amo la texture troppo densa che non rende agevole la stesura e che secca la palpebra una volta asciutta. Presto proverò anche la Anti-Aging in modo da fornirvi un quadro completo. E voi avete provato il Primer Potion? Spero che la review vi sia stata utile, a presto ragazze!^^

Sunny Makeup
Sunny Makeup

Blogger

3 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  2. Ciao Sunny
    una domanda: come si chiama l'ombretto MARRONE CALDO MATT che hai applicato sopra la base Eden?
    perche' cercavo proprio un marrone caldo matt e non lo trovo da nessuna parte
    fa parte di qualche palette?

    fammi sapere, Misspeony

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Si tratta di Downfall della Vice 3 di Urban Decay (http://www.sunnymakeup.it/2014/10/urban-decay-vice-3-swatches-e-review.html)

      Elimina